Luigi Zizzari

A volte vorrei vivere nel futuro, nel passato mai, giacché lo conosco e non mi piace. Vorrei non aver fatto certe scelte, ma le ho fatte, perciò il presente che ho me lo tengo e speriamo bene.... Il futuro? Non lo conosco, ma lo si può indirizzare, e a questo penso spesso. sulla politica Detesto destra e centristi e similari, la sinistra la sopporto appena poiché è solo il meno peggio. Sono per il diritto del cittadino alla sua libera autodeterminazione, quindi sono per l'eutanasia, i diritti per le coppie di fatto, le unioni gay, la libera ricerca sulle staminali, il libero aborto. Sono per il divieto di obiezione di coscienza negli ospedali pubblici. Sono per un regionalismo economico, cioè mettere le regioni in condizioni di poter raggiungere la massima autosufficienza produttiva possibile. Sono per l'introduzione delle società di produzione di beni no profit, sono per l'introduzione del reddito di cittadinanza per i senza reddito e il sostegno economico per i working poor. mie affermazioni Il diritto a qualcosa esiste quando l'oggetto del diritto non è garantito. Il lavoro dovrebbe essere un dovere morale e civile e un obbligo giuridico, ma la società attuale (come quelle passate), non è in grado di garantire il lavoro. Nella vita bisogna usare moderazione, ma anche la moderazione va usata con moderazione. Coloro che si dichiarano moderati, in realtà sono per l'immobilismo.

Most commented posts

  1. considerazioni fugaci sul nulla e sul pieno — 2 comments
  2. Relazione tra scelta e razionalità nella timidezza e le altre ansie sociali — 1 comment
  3. Carattere, temperamento e personalità — 1 comment
  4. Fronteggiamento di ansia sociale e timidezza: i principi cardine della mindfulness — 1 comment
  5. Come la mente ci rende timidi – parte seconda — 1 comment

Author's posts

Quale sinistra?

    SE VUOI ANDARE ALLA PARTE PRIMA   PARTE SECONDA     Per un’idea della politica   Oggi si pone l’obiettivo di una liberazione, più radicale, più vera, più giusta, più umana: la liberazione dell’uomo dalla schiavitù mentale, culturale e materiale del mercato; la liberazione dell’uomo in quanto uomo; il superamento dell’uomo-merce, della supremazia dell’ …

Continue reading

Quale sinistra?

      PRIMA PARTE     Crisi sociale, politica, e delle ideologie date   Oggi si scarica tutto sul capitalismo come se prima l’umanità vivesse in pace e in ricchezza. In realtà il capitalismo è solo una modalità organizzativa della società mercantile (cioè che si regge sul mercato). In queste condizioni, ci stiamo da 6.000 …

Continue reading

Cosa è la timidezza?

  È rapportata solo alle relazioni sociali, al di fuori di queste la timidezza non esiste, vive esclusivamente nel mondo dei rapporti umani e nelle loro manifestazioni sociali di relazione.   Una definizione unica della timidezza non esiste, ciò è dovuta al fatto che non è un fenomeno circoscrivibile in confini ben delimitati e si …

Continue reading

Cosa fa emergere o rende visibile la timidezza

  I primi passi per capire la tua timidezza? Pensa ai tipi di situazioni in cui senti imbarazzo, in cui provi agitazione, inquietudine, ansia, timore. Le riconosci anche perché suscitano in te pensieri di segno negativo. Pensa anche a quelle situazioni nelle quali sei chiamato/a ad essere primo attore in una qualsiasi forma. Fatti un …

Continue reading

Può il tempo presente essere quello giusto visto nel presente?

Per me il tempo presente non è il momento giusto o opportuno, nemmeno sbagliato o inopportuno; è semplicemente l’istante esatto in cui stai vivendo. Non è, né giusto, né opportuno.   Il tempo presente non ha alcuna qualità, così come non l’hanno nemmeno il tempo passato o quello futuro. Il tempo non è un contenitore …

Continue reading

Attenti ai pensieri automatici negativi

Ad attivare i sintomi fisici ed i comportamenti evitanti tipici dei soggetti timidi, che sono la via di fuga da una situazione ansiogena, sono i cosiddetti pensieri automatici.   Quando un individuo timido, viene a trovarsi in una circostanza che gli provoca apprensione emotiva, la sua mente è percorsa sempre dalle stesse idee, da tipi …

Continue reading

Sciocco chi crede che la politica si possa fare con scelte semplici

    Ho sempre sostenuto che la politica deve essere fatta da chi è concretamente consapevole dell’enorme complessità della società contemporanea con la sua moltitudine delle problematiche afferenti la vita sociale, la sua organizzazione e gli interessi, non solo economici, che muove.   I fenomeni economici, e quelli sociali, sono il risultato del comportamento di …

Continue reading

Tributo alla mia amata città

Happy ( We are from #Stabia)   [youtube]http://youtu.be/fPizfv18BE4[/youtube]   Castellammare di Stabia raccontata da Giovanna                       Castellammare di Stabia raccontata da me              

Per una società distributiva

 seconda parte va alla prima parte   Nella società che vorrei, tutti lavorano: non per l’azienda, non per conto della proprietà, né per conto o in nome del mercato, ma per il benessere della comunità umana nel suo insieme.   Ognuno darebbe, con il lavoro, il proprio contributo per sancire il pieno diritto di vita …

Continue reading

Per una società distributiva

    prima parte       Penso a una società in cui tutti lavorano, a un sistema di produzione con il maggior livello possibile di automazione che la tecnologia permette, ciò renderebbe possibile orari di lavoro ridotti  che produrrebbero come effetto un miglior rendimento produttivo e, soprattutto, tempo libero che le persone possono dedicare …

Continue reading