Archivio Categoria: pensiero politico

Dic 04 2015

Stragi, violenza e fondamentalismo nelle città occidentali

    Le stragi che si stanno consumando da diversi anni, come quella nella clinica per aborti nel Colorado, quelle nelle scuole americane, l’estremismo islamico, ma anche fenomeni sociali come i black blok e altri, a mio parere sono tutti figli di un’unica origine: i modelli economici e sociali esistenti.   In tutti questi casi, …

Continua a leggere »

Nov 09 2015

Piani temporali del possibile

  La politica dovrebbe svolgersi su tre piani temporali, l’immediato, il medio e lungo termine, il futuro o utopia del presente.   Nell’immediato, la pragmaticità è essenziale, non contano tanto i principi ma le azioni funzionali all’obiettivo. Data la relatività di validità o applicabilità dei principi, questi possono anche essere rinviati, negati o parzializzati. Ciò …

Continua a leggere »

Ago 06 2015

La difficoltà a teorizzare nuovi modelli sociali

    Un grosso problema che si riscontra quando si prova a teorizzare un modello sociale per il futuro, è l’incapacità di sganciarsi dagli schemi mentali del presente che, in genere, hanno un lungo retaggio storico.   Questa rigidità fa si che si ragiona secondo modelli e modi elaborativi che ripetono gli schemi valutativi attuali …

Continua a leggere »

Nov 17 2014

Quale sinistra?

    SE VUOI ANDARE ALLA PARTE PRIMA   PARTE SECONDA     Per un’idea della politica   Oggi si pone l’obiettivo di una liberazione, più radicale, più vera, più giusta, più umana: la liberazione dell’uomo dalla schiavitù mentale, culturale e materiale del mercato; la liberazione dell’uomo in quanto uomo; il superamento dell’uomo-merce, della supremazia dell’ …

Continua a leggere »

Nov 05 2014

Quale sinistra?

      PRIMA PARTE     Crisi sociale, politica, e delle ideologie date   Oggi si scarica tutto sul capitalismo come se prima l’umanità vivesse in pace e in ricchezza. In realtà il capitalismo è solo una modalità organizzativa della società mercantile (cioè che si regge sul mercato). In queste condizioni, ci stiamo da 6.000 …

Continua a leggere »

Apr 29 2014

Sciocco chi crede che la politica si possa fare con scelte semplici

    Ho sempre sostenuto che la politica deve essere fatta da chi è concretamente consapevole dell’enorme complessità della società contemporanea con la sua moltitudine delle problematiche afferenti la vita sociale, la sua organizzazione e gli interessi, non solo economici, che muove.   I fenomeni economici, e quelli sociali, sono il risultato del comportamento di …

Continua a leggere »

Mar 18 2014

Per una società distributiva

 seconda parte va alla prima parte   Nella società che vorrei, tutti lavorano: non per l’azienda, non per conto della proprietà, né per conto o in nome del mercato, ma per il benessere della comunità umana nel suo insieme.   Ognuno darebbe, con il lavoro, il proprio contributo per sancire il pieno diritto di vita …

Continua a leggere »

Mar 04 2014

Per una società distributiva

    prima parte       Penso a una società in cui tutti lavorano, a un sistema di produzione con il maggior livello possibile di automazione che la tecnologia permette, ciò renderebbe possibile orari di lavoro ridotti  che produrrebbero come effetto un miglior rendimento produttivo e, soprattutto, tempo libero che le persone possono dedicare …

Continua a leggere »

Nov 27 2013

Considerazioni sulla proprietà come garanzia di funzioni essenziali del vivere

Premessa Nel mondo animale, il territorio che ciascun individuo delimita e difende, come area di propria pertinenza, corrisponde a quella quantità di territorio necessaria alla propria sopravvivenza. Anche i branchi, nel caso degli animali gregari, agiscono allo stesso modo. Gli animali non stanziali, però, occupano il territorio solo in modo temporaneo e lo abbandonano quando …

Continua a leggere »

Ott 24 2013

Brevi considerazioni sulla società mercantile [1]

L’accumulo delle ricchezze esprime potere, nella misura in cui, tali ricchezze hanno valore di mercato e, quindi, sono teoricamente e praticamente, vendibili. La sola possibilità della loro scambiabilità, a prescindere a che si verifichi o no lo scambio, determina la forza di potere della ricchezza. È il mercato che permette l’accumulo delle ricchezze come accumulo …

Continua a leggere »

Post precedenti «